A Norcia il Campus di “Quarta Categoria”. Tavecchio: “Motivo di orgoglio”

A Norcia il Campus di “Quarta Categoria”. Tavecchio: “Motivo di orgog

“Quarta Categoria”, torneo di calcio a 7 della FIGC nato grazie alla collaborazione con Lega Serie A, Lega B, Lega Pro, LND e club associati, prosegue la sua attività per aiutare la socializzazione e il divertimento, attraverso il gioco del calcio, di ragazzi con deficit nelle funzioni intellettive e adattive.

Il calcio come strumento per abbattere le barriere e per favorire l’inclusione sociale: è questo l’obiettivo del Campus – che ha preso il via domenica scorsa a Norcia – ideato da “Quarta Categoria” per favorire la pratica sportiva di ragazzi con disabilità cognitive e relazionali. L’iniziativa è stata presentata oggi nel corso di una conferenza stampa, alla quale hanno partecipato il presidente della FIGC Carlo Tavecchio, il direttore generale della Lega Serie A Marco Brunelli, il sindaco di Norcia Nicola Alemanno e il sindaco di Cittareale Francesco Nelli.
 “E’ importante essere qui – ha dichiarato il presidente federale – anche a livello personale. Il calcio e il vostro momento di incontro e per me che lo rappresento è motivo di orgoglio. Il mondo della quarta categoria è un mondo che vive da tempo, ma che sta prendendo una forma istituzionale. La FIGC con Quarta Categoria esce sul territorio in maniera sperimentale per crescere cercando di coniugare le diverse tempistiche. Una nazionale sperimentale dovrà in una fase successiva avere le prerogative per affrontare le altre nazioni”.

Il direttore generale della Lega di Serie A Marco Brunelli ha illustrato gli aspetti essenziali del progetto e la conseguente volontà di stimolare la sinergia tra le varie comunità colpite dal sisma dello scorso agosto, al fine di realizzare una scuola calcio permanente sul territorio dedicata alla disabilità.

Fino al 12 agosto al Campus di Norcia, organizzato presso il Centro Sportivo “Bianconi” in viale Umbria, saranno in programma due sedute di allenamento giornaliere e una serie di attività a bassa intensità motoria, sotto la guida di educatori professionisti e di allenatori UEFA B. Il Campus consentirà ai ragazzi non solo di giocare a calcio, ma di condividere momenti ricreativi, all’insegna dell’allegria e dell’amicizia.
 
Grazie al sostegno della FIGC, della Lega Serie A (in particolare delle società Lazio e Empoli che hanno offerto un contributo determinante per la realizzazione del campo di gioco), la partecipazione al Campus sarà gratuita per tutti i ragazzi. L’obiettivo della settimana umbra sarà anche quello di stimolare la sinergia tra le varie comunità colpite dal sisma, al fine di realizzare una scuola calcio permanente sul territorio dedicata alla disabilità.
 

Store FIGC