Consiglio Federale: approvati all’unanimità i principi informatori degli Statuti delle Leghe

Consiglio Federale: approvati all’unanimità i principi informatori degli

Alla ripresa della riunione, lasciata interrotta lo scorso 4 settembre, il Consiglio Federale ha approvato all’unanimità i principi informatori degli Statuti e Regolamenti delle Leghe ex art. 27 comma 2 dello Statuto Federale, dando tempo fino al 10 ottobre alle Leghe per provvedere al necessario aggiornamento delle rispettive normative. Prima dell’adeguamento ai suddetti principi, le Leghe prive di organi direttivi non potranno celebrare alcuna Assemblea elettiva.

Nello specifico, i nuovi principi prevedono che le Leghe professionistiche si dotino di una governance moderna e più efficiente che contempli la presenza di membri indipendenti (presidente, vice presidente e amministratore/consigliere delegato) e la redistribuzione dei poteri in capo agli organi direttivi. 

"I provvedimenti adottati in Consiglio federale – ha sottolineato il presidente Tavecchio in conferenza stampa – sono sotto certi aspetti straordinari e vanno a coprire una serie di problematiche insorte sulla governance, sulle assemblee e sull'organizzazione delle Leghe. Dovevamo trovare una soluzionedefinitiva e l'abbiamo trovata. La Serie A era un problema specifico,non fosse altro per il movimento economico che produce e crea effetti sugli altri sistemi. Si passa da 13 a 7 rappresentanti e soprattutto abbiamo introdotto nel Consiglio direttivo elementi indipendenti: questa è la novità più importante. In Lega di A ci saranno un presidente, un vice presidente amministratore delegato, un indipendente più quattro presidenti o delegati in rappresentanza delle società. Per la Lega Pro e la LND, già in linea con i principi informatori, sono stati apportati solo piccoli ritocchi".

Ancora per quanto riguarda la Lega di Serie A, il direttore generale della FIGC Michele Uva, considerato esaurito il suo incarico come vice commissario, ha comunicato di aver rimesso il mandato.

Aprendo i lavori del Consiglio, il presidente federale Carlo Tavecchio ha comunicato la mancata costituzione dell’Assemblea della Lega B e, di conseguenza, la nomina del Commissario straordinario nella persona dell’Avv. Mauro Balata fino al 31 dicembre 2017. “Anche la Lega di B, recepiti i principi, si metterà in regola – ha specificato Tavecchio – la novità introdotta oggi va ad evitare che si protraggano in futuro fasi di stallo che danneggiano il calcio italiano. Da domani il Commissario straordinario avv. Balata, già nominato nel precedente Consiglio, prenderà in mano le redini della Lega di B”.

Store FIGC