Euroleague a Catania: Azzurri battuti dal Portogallo, sfuma la finalissima

Euroleague a Catania: Azzurri battuti dal Portogallo, sfuma la finalissima

L’Italia è arrivata ad un passo dallo scrivere un’altra pagina entusiasmante di beach soccer, ha toccato con mano la finale dell’Europeo e se l’è vista sfuggire dalle dita nel terzo incontro del girone delle Superfinal Euroleague di Catania. I campioni d’Europa e del Mondo in carica del Portogallo potranno difendere il titolo domani alle 17.45 contro l’Ucraina nella stessa finale della scorsa edizione grazie al successo per 5-4 con l’Italia. Gli Azzurri sono andati vicinissimi a raggiungere una finale che manca dal 2010 grazie anche al ko imprevisto della Russia, caduta ai rigori con la Svizzera. Un girone pazzo ed affascinante, deciso negli ultimi minuti della terza sfida. I lusitani sono scappati in avanti nel primo tempo grazie ai fratelli Martins, l’Italia è stata brava a mantenere gambe e nervi saldi risalendo la china con Palmacci e Marinai. Ad 1’ dal termine del secondo tempo gli Azzurri hanno rimesso a posto il match, ma uno scatenato Be Martins ha trovato altri due colpi decisivi insieme a una firma d’autore di Madjer.

Un Palmacci infinito, a 3’ dal termine, ha riaperto l’incontro realizzando la sua doppietta nella gara e il settimo sigillo nella competizione, ma non è bastato. Bellissima la cornice di pubblico che ha sostenuto gli Azzurri per tutto il match. Il ct Massimo Agostini è amareggiato ma ottimista in vista dei prossimi impegni: “Non è mai facile affrontare i campioni del mondo e d’Europa, andare sotto di due reti e rimontare. I ragazzi sono rimasti sempre dentro la partita e per poco stavamo ribaltando le sorti del match. Paghiamo troppo alcune leggerezze che a questi livelli fanno la differenza. Ma il gruppo c’è, possiamo solo migliorare sperando di non dover più fare a meno di Gabriele Gori e Francesco Corosiniti”.

L’Italia si giocherà domani la finale per il 5° e 6° posto con la Bielorussia in un antipasto delle qualificazioni al Mondiale che si terranno a Jesolo dal 2 all’11 settembre. Comunque ci sarà un pezzo d’Italia in questa finale europea, visto che quasi tutti i giocatori del Portogallo giocano stabilmente nel nostro campionato.

ITALIA-PORTOGALLO 4-5 (0-2; 2-1; 2-2)

Italia: Del Mestre, Marrucci, Marinai, Ramacciotti, Zurlo, Gori, Palmacci (Cap.), Frainetti, Di Palma, Carpita. All: Agostini
Portogallo: Petrony, Coimbra, Leo, Torres, Jordan, Madjer (Cap.), Bruno Novo, Belchior, Be Martins, Andrade. All: Narciso
Arbitri: Borisevics (Lituania) e Ostrowski (Polonia)
Reti: 4’ pt Leo (P), 5’ pt Be Martins (P); 5’st Palmacci (I), 10’st Marinai (I), 11’st Be Martins (P); 1’tt Madjer (P), 2’tt Marrucci (I), 5’tt Be Martins (P), 9’tt Palmacci (I)
Note: ammoniti Di Palma e Ramacciotti (I)

Risultati e classifica

GRUPPO 1
1ª Giornata
Russia-ITALIA 5-3
Portogallo-Svizzera 6-5
2ª Giornata
Portogallo-Russia 2-3 (et)
ITALIA-Svizzera 7-5
3ª Giornata
ITALIA-Portogallo 4-5
Svizzera-Russia 6-5 (dcr)

Classifica: Portogallo 6 punti, Russia 5, ITALIA 3, Svizzera 1

GRUPPO 2
1ª Giornata

Germania-Spagna 2-6
Bielorussia-Ucraina 4-5
2ª Giornata
Bielorussia-Germania 7-2
Spagna-Ucraina 5-7
3ª Giornata
Ucraina-Germania 4-1
Spagna Bielorussia 3-2 (et)

Classifica: Ucraina 9 punti, Spagna 5, Bielorussia 3, Germania 0

Domenica 28 agosto
FINALI

(ore 11.30) 7°/8° posto: Svizzera-Germania
(ore 12.45) 5°/6°posto: Bielorussia-Italia
(ore 16.30) 3°/4°posto: Spagna-Russia
(ore 17.45) 1°/2° posto: Ucraina-Portogallo

La formula

L’Euro Beach Soccer League è il Campionato Europeo di Beach Soccer promosso dalla Beach Soccer Worldwide, l’organismo che sovrintende, in sinergia con la Fifa, l’organizzazione delle competizioni continentali. Le Nazionali coinvolte sono 24 così suddivise: 12 squadre nella Division A e 12 nella B. Per quanto riguarda la Division A il campionato è organizzato in quattro tappe più le Superfinal. Le 12 formazioni in ogni tappa sono divise in due gruppi da quattro team. Le prime otto della classifica finale si qualificano per le Superfinal organizzate in due gironi da quattro squadre ciascuno. La fase a gironi sancisce gli accoppiamenti per le sfide che assegneranno le posizioni definitive.

Store FIGC