Euroleague: Gori cala il poker, l’Italbeach supera anche l’Ucraina e conquista la finale

Euroleague: Gori cala il poker, l’Italbeach supera anche l’Ucraina e co
Dopo otto anni l’Italia conquista la finale degli Europei di Beach Soccer al termine di un percorso netto. Tre gare, altrettanti successi, mettendo in fila i campioni d’Europa in carica della Russia e due nazionali ai primi posti del ranking continentale come Bielorussia e Ucraina. Tre partite per cuori forti: con i russi il gol decisivo è arrivato a pochi istanti dal fischio finale, con i bielorussi e gli ucraini all’extra time. Oggi al Beach Stadium di Alghero gli Azzurri, che ieri avevano già ipotecato il pass per i Giochi Europei di Minsk 2019, affronteranno nella finalissima la Spagna (ore 17.45 – diretta su beachsoccer.com e differita su RaiSport HD a partire dalle ore 20), con l’obiettivo di conquistare il secondo titolo continentale della loro storia a 13 anni di distanza dall’unico trionfo europeo.

Nella terza e ultima gara del girone delle Superfinal dell’Euro Beach Soccer League di Alghero i ragazzi di Del Duca, dopo aver dominato il match con gli ucraini fino a 3’ dal fischio finale, e aver raggiunto anche il massimo vantaggio di tre reti hanno subito due centri che li hanno portati al supplementare. Ci ha pensato il solito Gabriele Gori a firmare la rete del successo: il bomber viareggino ha messo a segno quattro reti, portando a sette gol il suo bottino nel torneo.

Stravolto ma felice a fine gara il Ct Emiliano Del Duca: “Abbiamo pagato lo sforzo mentale e fisico della gara con la Russia. La squadra comunque è stata superlativa anche oggi, siamo contenti ma non abbiamo ancora fatto nulla”.

Tantissime le emozioni di un match dal finale thrilling, con gli ultimi minuti vissuti in apnea dai 1500 tifosi che hanno gremito gli spalti del ‘Beach Stadium’ di Alghero. Dopo nove minuti poveri di emozioni, eccezion fatta per un gran destro di Gori deviato in angolo da Nerush, il risultato si sblocca sul finale di primo tempo: Gori firma il vantaggio con una splendida rovesciata da posizione defilata su rilancio di Del Mestre, poi Zurlo si procura e trasforma il rigore che porta gli Azzurri sul 2-0. E’ ancora Gabriele Gori al 3’ del secondo tempo a deviare di testa in rete un rinvio di Carpita, poi Khyzhniak su punizione accorcia le distanze, ma subito dopo Di Palma in rovesciata riporta a tre le lunghezze di vantaggio per l’Italia.

Un fallo di Palmacci consente a Khyzhniak di realizzare la sua personale doppietta su rigore, ma non spaventa l’Italia, che allunga di nuovo all’ultimo minuto del secondo parziale portandosi sul 5-2: a infiammare il pubblico di Alghero è sempre Gori, che raccoglie una torre aerea di Di Palma e in semirovesciata infila l’angolo basso. Sembra fatta, ma nel Beach Soccer le sorprese sono sempre dietro l’angolo. E così nel terzo tempo si concretizza l’incredibile rimonta dell’Ucraina: Makeiev al 4’ sfrutta il rimbalzo della sabbia per sorprendere Del Mestre, poi con un tiro da fuori segna il gol del -1. Il pareggio è nell’aria e arriva a due minuti dallo scadere, su rigore concesso per un atterramento di Ramacciotti ai danni di Glutskyi, che trasforma con una conclusione violenta e centrale. E così, come accaduto ieri con i campioni d’Europa in carica della Russia, la sfida si decide al supplementare. A firmare il gol che vale la finale è guarda caso Gabriele Gori, che dopo 32’ secondi dall’inizio dell’extra time sfrutta il cross di Ramacciotti, controlla il pallone mandando fuori tempo il portiere e insacca la rete del 6-5. C’è tempo anche per un ultimo brivido, ma a trenta secondi dal termine Del Mestre respinge la conclusione di Glutskyi facendo tirare un bel sospiro di sollievo al pubblico della ‘Beach Arena’ di Alghero. L’Italia vola in finale, domani può fare la storia.

Italia-Ucraina 6-5 dts (2-0; 3-2; 0-3; 1-0)

Italia: Carpita, Marinai, Ramacciotti, Corosiniti, Zurlo, Gori, Palmacci, Palazzolo, Frainetti, Di Palma, Del Mestre. All: Del Duca
Ucraina: Nerush, Khyzhniak, Voitok, Makeiev, Pachev, Zeborovskyi, Medvid, Glutskyi, Shcherytsia, Voitenko, Sydorenko. All: Yevhen
Arbitri: Benchabane (Fra) e Guenther (Ger)
Reti: 10’pt Gori (I), 11’pt rig. Zurlo (I); 3’st Gori (I), 5’st Khyzhniak (U), 7’st Di Palma (I), 11’st Khyzhniak (U), 11’st Gori (I); 5’tt Makeiev (U), 8’tt Makeiev (U), 11’tt  rig. Khyzhniak (U); 1’tt Gori (I)
Note: ammonito Palmacci (I)

I gruppi della Superfinal

Gruppo 1: Spagna, Portogallo, Svizzera, Azerbaigian
Gruppo 2: Russia, Bielorussia, Ucraina, ITALIA

Calendario, risultati e classifica del Gruppo 2

Prima giornata (6 settembre)
Russia-Ucraina 6-0
ITALIA-Bielorussia 5-4

Seconda giornata (7 settembre)
Bielorussia-Ucraina 2-1 dts
ITALIA-Russia 6-5 dts

Terza giornata (8 settembre)
Russia-Bielorussia 2-1
ITALIA-Ucraina 6-5 dts

Classifica: ITALIA 7 punti, Russia 6, Bielorussia 2, Ucraina 0

Finali (9 settembre)
7°/8° posto – ore 14: Azerbaigian-Ucraina
5°/6° posto – ore 15.15: Svizzera-Bielorussia
3°/4° posto – ore 16.30: Portogallo-Russia
1°/2° posto – ore 17.45: ITALIA-Spagna

Store FIGC