L’Italia si ferma al palo, va alla Svezia l’andata del play off Mondiale

L’Italia si ferma al palo, va alla Svezia l’andata del play off Mondial

Va alla Svezia il primo round del play off Mondiale. A Solna, in una ‘Friends Arena’ gremita da 50mila tifosi, un tiro di Johansson deviato da De Rossi regala ai padroni di casa un successo preziosissimo e costringe gli Azzurri a dover ribaltare il risultato lunedì nella gara di ritorno in programma a Milano. Anche la fortuna volta le spalle all’Italia, che va sotto in occasione dell’unico vero tiro in porta della ripresa da parte degli svedesi e poi viene fermata dal palo, quando Darmian con un gran tiro dalla distanza centra il legno a Olsen battuto.

Per fronteggiare il consueto 4-4-2 della Svezia, Ventura opta per la difesa a tre affidandosi alla BBC (Barzagli, Bonucci e Chiellini), con Parolo a supportare in mezzo al campo Verratti e De Rossi e con Candreva e Darmian sulle fasce. In avanti spazio al tandem Immobile-Belotti, una coppia rodata alla nona presenza dal primo minuto nell’era Ventura, con l’attaccante granata che torna in campo dopo l’infortunio che lo ha costretto a saltare le ultime due gare con Macedonia e Albania.

L’avvio è subito vivace e dopo una punizione alta di Forsberg al 4’ è l’Italia ad andare vicina al vantaggio due minuti più tardi: discesa sulla sinistra di Darmian e cross sul secondo palo per Belotti, che sale in cielo e di testa sfiora il palo alla destra di Olsen. I ritmi sono elevati, la Svezia pressa alto cercando di bloccare sul nascere la manovra degli Azzurri e spaventa Buffon con un diagonale di Toivonen che termina a lato. L’Italia cerca di risalire il campo palla al piede, mentre la squadra di Andersson si affida spesso ai palloni alti cercando di sfruttare i 190 centimetri di Toivonen. E’ Forsberg, il più talentuoso dei suoi, a rendersi pericoloso al 25’ con un destro a giro fuori misura, poi Verratti si fa ammonire e salterà così per squalifica il match di ritorno. Al 38’ Berg anticipa in area Chiellini ed è provvidenziale l’uscita di Buffon, che sventa l’ultima minaccia del primo tempo.

Alla vigilia Ventura ha sottolineato quanto sia importante segnare alla ‘Friends Arena’ in vista della gara di ritorno e gli Azzurri tornano in campo nella ripresa con l’obiettivo di trovare quel gol che metterebbe in discesa il play off. L’Italia prova a sfondare sulla corsia destra dove imperversa Candreva, che dopo aver lasciato partire un cross che attraversa tutta l’area di rigore impegna Olsen con un destro secco dalla distanza. Berg, già ammonito, rischia per due volte il cartellino rosso prima per una spinta ai danni di Chiellini, che si scontra con Buffon in uscita, poi per una gomitata a De Rossi. Al’61’ arriva però come una doccia fredda il gol della Svezia, con un tiro del neo entrato Johansson che trova la deviazione decisiva di De Rossi.

Entra Eder al posto di Belotti e al ’70 l’Italia va ad un passo dall’1-1 con un gran destro di Darmian che fa vibrare il palo. Per l’ultimo quarto d’ora Ventura si affida anche al talento di Lorenzo Insigne, che rileva Verratti con gli Azzurri che passano al 4-2-4. Ma la Svezia si rintana nella propria metà campo a difesa del vantaggio e riesce a portare a casa un 1-0 che vale oro. Tra tre giorni a Milano si replica e saremo obbligati a vincere per volare a giugno in Russia.

Per la cartella stampa clicca qui

ll programma della Nazionale

Sabato 11 novembre
10.45 Trasferimento all’aeroporto di Stoccolma
11.45 Partenza volo per Milano Malpensa
14.40 Arrivo a Milano Malpensa e trasferimento al Centro Sportivo Suning di Appiano Gentile
16.00 Allenamento (chiuso alla stampa)

Domenica 12 novembre
13.45 Conferenza stampa MD-1 (CT e 1 calciatore)**
15.00 Allenamento MD-1 (aperto alla stampa i primi 15 m.)**

Lunedì 13 novembre
20.45 GARA  ITALIA-SVEZIA
Al termine Attività media MD

** Opportunità riservata alla stampa accreditata per il match Italia-Svezia. La FIGC provvederà a limitare l’accesso alla Sala Conferenze stampa presso il Centro Sportivo Suning in ragione degli spazi di lavoro disponibili.

Store FIGC