Parolo: “Questo gruppo ha voglia di crescere”. Verdi: “Ventura ha sempre creduto in me”

Parolo: “Questo gruppo ha voglia di crescere”. Verdi: “Ventura ha sem

Marco Parolo e Simone Verdi sono due giocatori con caratteristiche diverse, ma entrambi preziosi per una Nazionale che sa come coniugare esperienza e talento: il primo è ormai da anni un punto fermo dell’Italia, mentre l’esterno del Bologna ha saputo mettersi alle spalle gli ultimi infortuni, tornando a vestire la maglia azzurra dopo aver assaporato la gioia dell’esordio in occasione dell’amichevole con l’Olanda dello scorso marzo.

Con Verratti, De Rossi e Pellegrini fermi ai box, Marco Parolo è il centrocampista azzurro con più presenze (30) nella Nazionale che si appresta ad affrontare le due sfide con Macedonia e Albania. Affidabile è l’aggettivo che meglio si cuce addosso a Parolo, protagonista di un ottimo avvio di stagione con la Lazio e reduce dalla doppietta realizzata domenica nella goleada con il Sassuolo: “Dispiace sempre quando ci sono dei compagni infortunati – dichiara in conferenza stampa dal ritiro di Coverciano – ma dobbiamo guardare alle prossime partite per portare avanti un progetto di gruppo e crescita corale. Qui ci sono tanti giovani interessanti, che stanno facendo bene in campionato e, anche se devono imparare a conoscere il nostro modo di giocare, sono svegli e hanno tutte le capacità per farsi trovare subito pronti”.

Nelle prossime due gare la Nazionale è chiamata a mettere al sicuro il secondo posto che vale l’accesso al play off e a migliorare il ranking attuale per poter affrontare da testa di serie il sorteggio degli spareggi: “Le partite con Spagna e Israele sono servite per vedere dove migliorare. Dobbiamo cercare di essere positivi, dagli errori si impara. Sono ottimista per lo spareggio perché l’Italia è sempre l’Italia e nel gruppo c’è la volontà di crescere. Il percorso che stiamo facendo ci deve assolutamente portare al Mondiale, ci teniamo tantissimo ad andare in Russia”. Duttile e capace di ricoprire diverse posizioni in mezzo al campo, Parolo sa interpretare bene sia il 4-2-4 sia il 3-4-3: “In tutti e due i moduli ci sono due centrocampisti centrali, cambiano solo alcune linee di passaggio”. Il cancello di Coverciano lo ha varcato ancora una volta in compagnia di Ciro Immobile: “Sta attraversando un grandissimo momento di forma, è un attaccante forte, che vede la porta e che ha sempre avuto una media gol molto alta. Alla Lazio gli vogliono tutti bene, per noi è una pedina molto importante e sono felice di godermelo”.
Autore di un gran gol e di una prestazione da incorniciare nel match di campionato con l’Inter sotto gli occhi del Ct Gian Piero Ventura, Simone Verdi vuole ritagliarsi uno spazio importante in Nazionale e sogna di volare in Russia per il Mondiale: “E’ vero che nelle prossime due partite ci basta un punto per andare agli spareggi, ma giocheremo entrambe le gare sempre per centrare i tre punti e per essere tra le teste di serie al sorteggio. L’importante è andare in campo con una certa determinazione, facendo ciò che l’allenatore ci chiede. Ho visto il Ct carico come sempre, abbiamo perso dei giocatori importanti, ma quelli che sono arrivati possono dare una mano alla Nazionale”.

Ambidestro (“madre natura mi ha dato questo dono”) dotato di grande talento e considerato tra i giovani italiani di maggior prospettiva sin dai tempi della Primavera del Milan, a Bologna è chiamato anche a rincorrere gli avversari: “A Genova ho fatto una gara prettamente di sacrificio perché giocando con due punte mi era stato chiesto di fare questo. E’ stata una partita strana perché dovevo ripiegare di più in fase difensiva e venivo marcato a uomo. Mi sono messo a disposizione della squadra e credo che questa cosa abbia fatto piacere a mister Ventura”.

Dopo anni in giro per l’Italia sembra aver trovato la sua dimensione a Bologna: “Sono arrivato al Toro – racconta in conferenza – dove mi avevano voluto fortemente Ventura e la società. Poi, dopo un anno di B non felicissimo, sono tornato al Torino in Serie A, ma non ero pronto per la categoria. Penso di essere cresciuto molto i questi anni, Ventura ha sempre creduto in me e ha aspettato che facessi il salto di qualità”.
Ultima battuta sul ricambio generazionale di Italia e Spagna: “È vero che hanno Isco e Asensio, ma anche l’Italia ha giocatori forti come Chiesa e Bernardeschi. Penso che tutte queste differenze non ci siano”.

Per consultare la cartella stampa clicca qui

L’elenco dei convocati

Portieri: Gianluigi Buffon (Juventus), Gianluigi Donnarumma (Milan), Mattia Perin (Genoa);
Difensori: Davide Astori (Fiorentina), Andrea Barzagli (Juventus), Leonardo Bonucci (Milan), Giorgio Chiellini (Juventus), Danilo D’Ambrosio (Inter), Matteo Darmian (Manchester United), Daniele Rugani (Juventus), Leonardo Spinazzola (Atalanta), Davide Zappacosta (Chelsea);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Cagliari), Bryan Cristante (Atalanta), Roberto Gagliardini (Inter), Marco Parolo (Lazio);
Esterni: Federico Bernardeschi (Juventus), Antonio Candreva (Inter), Stephan El Shaarawy (Roma), Lorenzo Insigne (Napoli), Simone Verdi (Bologna);
Attaccanti: Eder Citadin Martins (Inter), Manolo Gabbiadini (Southampton), Ciro Immobile (Lazio), Roberto Inglese (Chievo).

Il programma della Nazionale

Martedì 3 ottobre
h.  13.45  Incontro con la stampa (calciatori)
h.  16.30   Allenamento (aperto alla stampa i primi 15 m.)

Mercoledì 4 ottobre
h.  13.45  Incontro con la stampa (calciatori)
h.  16.30   Allenamento (aperto alla stampa i primi 15 m.)

Giovedì 5 ottobre
h.  10.00   Allenamento MD-1  (aperto alla stampa i primi 15 m.)
h.  16.20  Partenza da Firenze per Torino
h.  17.45  Walk Around
h.  18.00  Conferenza stampa del CT e 1 calciatore allo Stadio Olimpico Grande Torino

Programma della Macedonia MD-1 (Stadio Olimpico Grande Torino)
h.  10.00  Allenamento MD-1 allo Stadio Olimpico Grande Torino (aperto alla stampa i primi 15 m.)
h.  17.00         Conferenza stampa del CT e 1 calciatore

Venerdì 6 ottobre
h.   20.45        ITALIA-MACEDONIA Al termine incontro con la stampa

Sabato 7 ottobre
h.  17.00  Allenamento presso lo Stadio Filadelfia (aperto alla stampa)

Domenica 8 ottobre
h.   10.00 Allenamento MD-1 presso la Sisport (aperto alla stampa i primi 15 m.)
h.  15.45  Partenza da Torino per Tirana
h.  17.40  Arrivo del volo a Tirana e trasferimento allo Stadio Loro-Boriçi di Scutari (circa 1h 30m)
h.  19.30  Walk Around
h.  20.00  Conferenza stampa del CT e 1 calciatore allo Stadio Loro-Borici

Lunedì 9 ottobre                      
h.   20.45      ALBANIA-ITALIA
Al termine incontro con la stampa e trasferimento all’aeroporto di Tirana per volo su Roma e Milano

Store FIGC