Finisce in parità l’amichevole contro la Francia. L’Italia si trasferisce a Lubiana per l’Europeo

Finisce in parità l’amichevole contro la Francia. L’Italia si trasferi
Dopo aver affrontato vittoriosamente la Polonia quattro giorni fa a Genzano (7-0), oggi a Novigrad contro la Francia gli Azzurri non vanno oltre il pareggio nella ultima amichevole prima dell’Europeo. Finisce a reti bianche dopo una prima frazione giocata più sul piano fisico ed una seconda dove gli Azzurri riescono a imporre nel finale un maggior tasso tecnico ma senza concretizzare. Un test assolutamente probante, sostenuto contro una squadra qualificata alla fase finale di questo Europeo. Infatti, la Francia è collocata nel gruppo D  insieme a Kazakistan e la Spagna, campione in carica, nonché la favorita di questo torneo continentale. Per i bleus si tratta della prima partecipazione agli Europei, una Nazionale che si era sempre fermata alle fasi di qualificazione, risultato che è riuscita ad ottenere grazie alla crescita del movimento in questi ultimi anni: una qualificazione ottenuta sul filo di lana, superando ai play off la Croazia nel doppio confronto.
 
Un primo tempo durante il quale  si evidenzia una supremazia fisica da parte dei francesi che  si rendono pericolosi in almeno un paio di occasioni. Protagonista N’Gala che coglie al 9’ il palo esterno della porta difesa da Miarelli seguito poi da Mouhoudine che, sempre da destra, spara una bordata che si stampa sulla traversa. Gli Azzurri appaiono un po’ disorientati e ci vuole il time out chiamato da Menichelli per riportarli sul parquet dello Sport ska Dvorana. Ci pensa De Oliveira a rendere la pariglia con un bel destro al 19’ che lascia la sua impronta sull’incrocio dei pali francese. L’Italia riprende spirito e la conclusione della prima frazione è tutta sua: Calderolli e poi Honorio si liberano bene e vanno ad un passo dalla segnatura ma è bravo il capitano Haroun a parare le due conclusioni. Il tempo si ferma e si va negli spogliatoi a reti bianche.
Nel secondo periodo ritorna tra i pali Mammarella e gli Azzurri cominciano bene con un tiro di Cesaroni che finisce sul palo esterno. Dopo questo episodio, la partita ristagna in un gioco improduttivo da ambo le parti. L’occasione vera arriva per l’Italia al 18’ quando Merlim si occupa di battere il tiro libero ottenuto dopo i 5 falli commessi dai francesi:la prima volta Kerroumi para ma oltre i 5 metri consentiti e viene ammonito; lo stesso accade anche nella seconda occasione che viene concessa e tutto rimane come prima. Da questo momento, sale in cattedra Merlim che si procura due buone occasioni che non vanno a buon fine e il match arriva alla fine senza che gli Azzurri riescano a centrare la porta francese.
 
“Una partita dalla buona intensità e fisicità– questo il commento di Menichelli –, un test assolutamente utile contro una squadra molto fisica con una difesa difficile da penetrare perchè molto chiusa nella propria metà campo. Siamo  stati meno brillanti della partita giocata contro la Polonia, probabilmente perché è pesato il lavoro fatto in questi giorni. Ma mi ritengo soddisfatto, in particolare per il secondo tempo in cui avremmo potuto concludere a rete. Ora entriamo nel vivo della competizione europea e dovremo recuperare la brillantezza necessaria per affrontare il primo impegno contro la Serbia”.
 
Terminata la fase di preparazione si entra nel vivo della manifestazione continentale. Domani mattina la Nazionale raggiungerà via terra Lubiana  e al tecnico rimane ancora la scelta dei 14 giocatori che prenderanno parte alla trasferta europea, scelta che dovrà essere effettuata entro domenica 28 gennaio. Il giocatore del Venezia Mestre Giacomo Azzoni ha lasciato il ritiro per problemi fisici dopo aver riportato un trauma muscolare di tipo contusivo durante gli allenamenti (lesione di secondo grado al polpaccio sinistro, confermata dall’esame ecografico) che non è stato possibile recuperare.
Inserita nel Gruppo A, l’Italia affronterà giovedì 1° febbraio (ore 20.45) la Serbia per poi vedersela sabato 3 febbraio (ore 20.45) con i padroni di casa della Slovenia. Si giocherà alla ‘Stozice Arena’ di Lubiana, l’impianto che ospiterà le 20 gare dell’Europeo che saranno trasmesse in esclusiva su Fox Sports (canale 204 di Sky).

Le prime due classificate dei quattro gironi si affronteranno poi nelle sfide ad eliminazione diretta dai quarti di finale alla finale, con gli Azzurri che sognano di conquistare il loro terzo successo continentale dopo i trionfi del 2003 a Caserta e del 2014 in Belgio.
 
Per la cartella stampa clicca qui
 
ITALIA: Miarelli, Murilo, De LucaHonorio, Baron, Ercolessi, Lima (K), Fusari, De Oliveira, Merlim, Fortini, Castagna, Calderolli, Mammarella (GK), Molitierno (GK). All. Menichelli
FRANCIA: Haroun (K), Ramirez, Aigoun, Mohammed, N’Gala, Belhai, Ba, De Sa Andrade, , Kerroumi (GK), Alla, Durot (GK), Kebe, Gasmi, Mouhoudine. All. Jacky
AMMONITI: Aigoun e Kerroumi (18’ st)
ARBITRI: Sasa Tomic, Uzan Aurelien, Vedran Babic

L’elenco dei convocati

Portieri: Michele Miarelli (Luparense), Francesco Molitierno (Kaos Reggio Emilia), Stefano Mammarella (Acqua&Sapone);
Giocatori di movimento: Nicolò Baron (Feldi Eboli), Humberto Honorio (Luparense), Massimo De Luca (Napoli), Cristiano Fusari (Kaos Reggio Emilia), Mauro Castagna (IC Futsal), Giacomo Azzoni (Venezia Mestre), Marco Ercolessi (Pescara), Sergio Romano (Real Rieti), Paolo Cesaroni (Pesarofano), Giuliano Fortini (Pesarofano), Fabricio Calderolli (Acqua&Sapone), Julio De Oliveira (Acqua&Sapone), Gabriel Lima (Acqua&Sapone), Juliao Murilo Ferreira (Acqua&Sapone), Alex Merlim Da Silva (Sporting Lisbona).

Staff – Capo delegazione: Andrea Montemurro; Tecnico: Roberto Menichelli; Assistente tecnico: Carmine Tarantino; Segretario: Fabrizio Del Principe; Preparatore atletico: Valerio Viero; Preparatore dei portieri: Mauro Ceteroni; Video analista: Davide Marfella; Medici: Nicola Pucci e Andrea Gattelli; Fisioterapisti: Francesco Marcellino, Vittorio Lo Senno, Diego Falanga.

*I gruppi del Campionato Europeo

Gruppo A: Slovenia, Serbia, ITALIA
Gruppo B: Russia, Kazakistan, Polonia
Gruppo C: Portogallo, Ucraina, Romania
Gruppo D: Spagna, Azerbaigian, Francia

*si qualificano ai quarti di finale le prime due classificate di ciascun gruppo

Il calendario degli Azzurri

1° febbraio: ITALIA-Serbia (ore 20.45)
3 febbraio: ITALIA-Slovenia (ore 20.45)
5/6 febbraio: quarti di finale
8 febbraio: semifinali
10 febbraio: finali

Store FIGC